Poetry in Music 1

Written by on May 27, 2020

Giorgio Baffo, poeta del desiderio carnale

Giorgio Alvise Baffo (Venezia, 1694-1768) apparteneva alla famiglia Baffo, ascritta al patriziato, della quale era l’ultimo erede maschio: non avendo avuto figli, è stato quindi l’ultimo illustre esponente della casata che si è estinta con lui. Intorno al 1730, entrato in contatto con la cultura d’oltralpe, scelse di dedicarsi a una poesia licenziosa e filosoficamente aderente ai dettati epicurei. In compagnia di amici dello stesso suo ceto sociale, Baffo si dilettava a diffondere le sue poesie, solo orali: più volte il poeta si oppose alle proposte di editori inglesi che gli offrivano interessanti somme di denaro per la pubblicazione a stampa dei componimenti (che, per questo, saranno editi postumi, proprio a Londra).

Baffo ha composto circa 1200 poesie in veneziano. Pur essendo autore di un numero non esiguo di opere contro la corruzione della sua città, soprattutto del clero, e su temi filosofici, Baffo resta noto soprattutto per i suoi componimenti licenziosi: tale risonanza è dovuta soprattutto al fatto che l’edizione inglese del 1771 escludeva i testi a carattere filosofico-sociale. Poeta disprezzato a lungo per il contenuto della sua poesia da una critica moralistica che lo ha perseguitato per tutto il Novecento, Baffo è stato tuttavia apprezzato da Stendhal e Apollinaire che lo giudicava “il più grande poeta priapeo mai esistito, ma, al contempo, uno dei massimi poeti lirici”.

COBRA





El funeral del cazzo

(Giorgio Baffo)

Alla morte del Cazzon / De quel celebre poeton / Ch’hà lodà canto la Dona / E ’l so culo, e la so Mona /Tutte quante le sgualdrine / Le più scelte, e paregrine

Hà parlà pò l’Abadessa / O sia gran sacerdotessa / Che xe giusto far onor / A sto Cazzo fottidor / Che per farne carità/ El s’hà tutto consumà

Coraggio sù via Sorelle/ O Sorelle Graziose, e belle/ Andemolo a levar/ Andemolo de fiori a incoronar./ Tutte gà comprà dei fiori / E dei balsami, e liquori / Per andar a imbalsemarlo / E de fiori a incoronarlo / Coi cavei zò per le spalle/ Come tante gran cavalle/ Messe tutte quante in schiera/ Le xe andae dove, che ’l giera/ E co ’l morto le hà trovà/ Le l’hà tutto imbalsemà 

Terminada sta fonzion/ Hà sfillà la procession/ Stava a pianzer i so dani/ El suffraggio dei ruffiani / E sti poveri fradelli / Xe andà avanti coi pennelli / Dove giera sù repenti / I miracoli, e i portenti / E ghe giera fatte a sguazzo / Le bravure de sto Cazzo / Se vedeva s’un pennello / Delle gran menae d’Osello

Dopo fatte ste orazion / Tutte quante in zenocchion / Cussì in concerro le hà bù a cantar / Sto santo Cazzo vegnì a adorar / Xe andà prima quella bella /Che se chiama Catinella / La seconda assae giuliva /Che gà nome siora Oliva / Xe vegnù pò tutta seria/ Una tal siora Valeria /Dopo in seguito la Spina / E una tal siora Rosina / E pò quella del Priè / Che gà in testa un bel topè / Infin quella del Venier/ Assae brava nel mestier

Dopo, che le l’hà incensà / E le l’ha tutte adorà /Una alfin l’hà tiolto in man / E chi in basso, e ch’in sopran, /Le gà dito tutte a coro / Sto bel cantico sonoro.

Via de tutce le locande/ Le hà chiamà le Scuole grande/ De virtuose, e de cantanti / Ballerine, e Comedianti / Perchè queste le cantasse / E drìo al morto le ballasse.

Stava in mezzo a ste figure /  Come un gran Dottor in jure / El gran Cuzzo del Poeta,/ Come un vero Anacoreta /Colla testa a picolon / Per mostrar d’esser paron / El gaveva sulla panza/ E anca attorno in abbondanza / Nò scriture, nè librazzi / Ma dei Culi, Mone, e Cazzi / Per far veder, ch’in sta scienza / El gà buo la preminenza / Piena d’erudizion /  Gà fatto sta iscrizion / Quà del gran Baffo ghe xe ’l Cazzo morto / Ch’aspetta da cogion d’esser risorto.

Loading spinner

Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Current track

Title

Artist

Background