Poetry in Music 4

Written by on June 19, 2020

Nino De Vita è un poeta di Marsala, riconosciuto come una delle voci poetiche più interessanti e rigorose della letteratura contemporanea. Scrive nella lingua di Cutusìu, la contrada marsalese dove è nato. 

COBRA – unn’issi nenti a nuddu

Unn’issi nenti a nuddu

(Nino De Vita – Cùntura)

Vivia r’u ‘na ricina

r’anni accussì, agghimmata

e ùimma nn’a ddu bbucu

ri stanza c’u ddammusu.

Aliquannu – â scurdata,

pi’ ssulu una rrancata –

s’u tempu era addizzatu,

‘a figghia l’ammuttava

fora, nnô purticali

a tuccari ‘a trazzera.

Fu rintra dda stanzudda

ch’a zzi’ Nzula, una sira

ri maju, cci appariu

un ggiuvinastru, àvutu, i capiddi

nìvuri e ‘a vesta longa.

Taliava ‘a vicchiaredda

piatusu e ‘un palisava

nenti.

Taliava. E cu’ ‘a curuna

chi tinia nnô ‘na manu,

si misi, un cocciu appressu

all’àvutru, a cuntari

paroli r’u rrusariu.

Ddurau quarchi minutu.

Ddurau una mezzurata.

Cchiuassai. E cu’ è ch’u sapi.

Quannu accabbau ri riri

si calau e pusau

‘a curuna nnê manu

r’a vecchia.

‘A bbiniriciu

e spariu.

‘A vecchia

– allallata, c’u chiuppu –

taliava ddu rusariu

c’u trimulizzu ô cori:

ru ‘na manu ‘u passava all’atra manu

e taliava, taliava,

l’agnuni.

Cci scuppau

ri chiànciri e chiancìu.

‘Unn’issi nenti a nuddu…

Non disse niente a nessuno

Viveva da una decina

di anni così, aggobbita

e miserevole in quel buco

di stanza col dammuso.

Di tanto in tanto – quando si ricordava,

e solo per poco –

se la giornata prometteva,

la figlia la spingeva

fuori, nel cortile

a limitare la strada.

Fu in quella stanzetta

che alla zia Vincenza, una sera

di maggio, le apparve

un giovane, alto, con i capelli

neri e la veste lunga.

Guardava la vecchietta

con la faccia addolorata e non diceva

niente.

Guardava. E con la corona

che teneva in una mano,

si mise, un grano dietro

all’altro, a recitare

il rosario.

Durò qualche minuto.

Durò una mezzora.

Di più. Chi lo sa.

Quando finì la recita

si chinò e posò

la corona nelle mani

della vecchia.

La benedisse

e sparì.

La vecchia frastornata,

con un nodo alla gola,

guardava quel rosario,

trepidante:

da una mano lo passava all’altra mano,

e guardava, guardava

quel posto.

Le venne

da piangere e pianse.

Non disse niente a nessuno.

Loading spinner

Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Continue reading

Current track

Title

Artist

Background